Si continua con bel tempo e sole dominante fino al 25 Giugno. Un po’ meno caldo con fase estiva più gradevole

di Antonio Iannella

Rischio temporali ridimensionato, tuttavia possibile su qualche settore appenninico

Dai modelli ultimi, buone notizie in riferimento alla fase estiva. Nessuna brusca interruzione. Un certo ridimensionamento dell’onda calda ci sarà, il promontorio anticiclonico perderà un po’ smalto, a favore di un cuneo con contributi leggermente meno caldi e di tipo oceanico anzichè nordafricano, ma il bel tempo di massima, sostanzialmente, continuerà per diversi giorni ancora. Per oggi, più nubi irregolari in transito, specie su aree centro settentrionali e orientali, anche con qualche addensamento minaccioso nel corso della mattinata, ma nubi di tipo medio-alto e non associate a particolari altre conseguenze, per di più seguite da schiarite soleggiate sempre più ampie da metà giornata e poi al pomeriggio. Temperature sempre piuttosto calde, con massime verso i 33/34° in pianura.

Il campo termico, a iniziare da domani, domenica 16, perderà 2/3° e saranno sufficienti a rendere meno opprimente l’aria. I valori nel corso della prima parte della prossima settimana si avvicineranno quasi a quelli propri del periodo, con massime non oltre i 32/33° in pianura, sui 27/28° in collina poi, verso il 19/20, 5° in meno circa rispetto a oggi, con massime non oltre i 29/30° in pianura. Insomma, fase estiva che continua sulla  nostra regione, con il beneficio di un minore calore, benchè ancora abbastanza presente. Avevamo accennato anche a un maggior rischio temporali dal 17/18. In effetti, qualche rischio in più c’è, ma pare piuttosto localizzato.

Già da domani, domenica 16, e per 2/4 giorni a seguire, fino al 20 giugno circa, ci sarà ogni tanto (quindi non tutti i giorni) un rischio di locali temporali pomeridiani, ma essenzialmente sui settori nordorienatli, verso i confini molisani e foggiani. Rischio, peraltro, debole-moderato, tuttavia su queste aree, nello spefico tra alto Tammaro, Fortore,  Miscano, nel Beneventano, e tra Valle Ufita e Est Irpinia, nell’Avellinese, nelle ore più calde della giornata, potrà aversi qualche addensamento più minaccioso in grado di dare luogo a fenomeni temporaleschi o a qualche acquazzone. In liena di massima, si tratterebbe di fenomeni localizzati, quindi non a tappeto, anche se l’intensità potrebbe essere anche localmente rilevante, data la calura preesistente e una importante quantità di energia in gioco. Insomma, dove accadrebbero i fenomeni, potrebbero essere associati anche a grandinate. Nell’immagine a fianco le aree più a rischio per i prossimi giorni.

Per il resto della regione, il rischio temporali è minimo, sebbene non del tutto escluso, in particolare sulle aree interne meno orientali. A seguire, possibile qualche giornata con onda più calda e stabile, quindi dal 21 al 25, secondo le analisi attuali,  potrebbe tornare un caldo più sostanzioso con punte massime verso  i 34/35° in pianura. Poi, nell’ultima settimana del mese, le prospettive sarebbero per infiltrazioni di correnti più umide occidentali, ridimensionamento termico verso le medie stagionali e un maggior rischio di temporali. Ma l’evoluzione dopo i 7/8 giorni diviene oltremodo incerta, per cui torneremo a dettagliare sull’ultima decade del mese a inizio settimana. Buon weekend dallo staff di meteoincampania.it.